19/11/12

GIORNO 28: work in progress

Cavoli è sempre così, troppo o niente.

Per tre settimane ho cercato disperatamente lavoro senza trovarlo.

E adesso ho mille richieste.

E non so nemmeno quale scegliere, se fare tutti i colloqui oppure non provarci nemmeno perchè tanto non posso fare mille lavori.

Un giorno ha 24 ore e io devo pur dormire.

Dico dormire perchè di mangiare posso farne a meno o posso farlo sulla tube.

Se vuoi sopravvivere a Londra devi sapere ottimizzare i tempi.

Bè in ogni modo oggi mi sono guadagnata il mio secondo lavoro, in tutto e per tutto uguale al primo.

Agenzia. Eventi VIP.

Sempre la solita storia.

Mi hanno già dato il calendario del prossimo mese ed è pieno zeppo di feste.

Anche qui posso scegliere io quando e quanto lavorare.

Posso lavorare due settimane no stop e poi non iscrivermi a nessuna festa per tutto il tempo che voglio e farmi la mia vacanzina non so dove.

Il bello è che in questo periodo, visto che ci avviciniamo al Natale, Londra è piena di party.

E per me significa una sola cosa: lavoro.

E poi ciliegina della torta: questa è l' agenzia che gestisce gli affari reali.

Detto in parole povere se tutto va bene da qui a un mese avrò servito sua maestà la Regina d' Inghilterra.

Ma sia chiaro, io mi accontenterei anche di Harry il principino.

Tra l' altro questa agenzia ti paga anche il taxi per ritornare a casa after party.

Così finalmente salgo su un cab.

Non l' ho ancora mai fatto e non va affatto bene.

Insomma anche oggi una giornata piena di novità e notizie positive.

Sono sempre più felice e motivata.

Le uniche notizie cattive derivano dal fronte casa.

Siamo sempre più stanchi di stare qui.

A parte condividere una camera in tre che già è difficile di suo, ci troviamo a condividere la casa con degli psicopatici.

C'è la coppia 'fanatici del pulito' che non possono vedere nemmeno un capello per terra.

La milanese della nostra età che mangia, non lava e poi la coppia dice su a noi.

E per concludere un fantasmino che non si sa quando c'è, quando no e a quanto pare l' unica sua attività in casa è fregarci il cibo dalla dispensa o dal frigo.

Insomma la questione si fa un pò tesa e ora che lavoriamo stiamo provando a cercare una nuova sistemazione.

Ma su questo fronte siamo ancora un pò indietro, in ogni modo ci diamo da fare.

E di certo non ci diamo per vinti.

Per ora qualcosa di interessante abbiamo trovato, ma per scaramanzia non dirò nulla.

Come direbbe David: 'Suspence!'

E anche stasera mi addormento con la consapevolezza di aver dato il massimo.

Ma come sempre con la certezza che 'il meglio deve ancora venire'.



Un total black molto sobrio per l' interview di oggi.







1 commento:

  1. Ciao, bel blog, complimenti per quest'avventura, non è facile lasciare tutto e iniziare una nuova vita. Sto leggendo tutto d'un fiato. Volevo chiederti, dove hai trovato questa agenzia per lavorare? Un bacio.

    RispondiElimina