18/02/13

GIORNO 118: working working working

Non ci avevo nemmeno pensato che era il mio giorno 118.

Emergenza emergenza: TROPPO LAVORO.

Questa settimana è stata davvero impressionante.

Dalle dieci alle tredici ore tutti i giorni, con un solo off.

Dalla prossima inizierò finalmente a farne quaranta.

Quaranta ore sono il giusto equilibrio tra avere una vita e avere una vita di qualità.

Del resto cosa me ne faccio di tutti questi soldi se non ho il tempo per spenderli?

Non sto dicendo che li sperpero, però se lavori settanta ore a settimana non vivi.

Torni a casa e dormi.

Ti svegli al mattino e vai a lavorare.

Ho fatto la spesa una settimana fa ed è ancora tutta lì, che mi guarda e mi dice: 'Ho anche una data di scadenza veh!'

Lo so, ma non avevo nemmeno la voglia di cucinare quando tornavo a casa.

Ci hanno dato la rota per la settimana prossima e io faccio sempre dalle 12 alle 8.

Credo che non ci sia un orario migliore.

Ho tutte le mattine bellamente libere, così come le sere.

Le mattine, quando riesci ad alzarti, sono anche particolarmente belle in questi giorni.

C'è un gran sole e le temperature finalmente si sono alzate.

Ma non si può avere tutto.

Finalmente ho un lavoro, Emma mi ospita, la casa è abbastanza carina...

Ma il mio computer non prende il wifi di questa casa!

E come vivi a Londra senza internet?

Non lo so.

Devo trovare una mente che capisca qual'è il problema il prima possibile perchè non posso continuare a rubare quello di Emma all' infinito.


Quando finiamo il latte e il mio capo mi chiede di andarlo a comprare da Tesco @Wimbledon


@Wimbledon


@Wimbledon 


@Wimbledon 


 Lovely place @ Crepaffaire



5 commenti:

  1. chiama omar per il computer. Non mi sembra che sia per forza la birra o simili a dimostrare al mondo che VALI. Essere te stessa è già un grande patrimonio.

    RispondiElimina
  2. la mia invidia è tutta per te!
    non so se ti ricordi di me , la ragazza che studia lingue ma che vorrebbe fuggire al più presto dove sei tu!

    RispondiElimina
  3. pensa che ogni tanto io invidio i miei amici che sono a casa comodi comodi e fanno l' uni adesso... è sempre csì, non ci accontentiamo mai!

    RispondiElimina
  4. adesso il mio coinquilino prova a controllare, se non ci salata fuori lo chiamo assolutamente ;)
    la birra? cosa c'entra?

    RispondiElimina
  5. MA NO! tu proprio , secondo me , non puoi invidiarli! dai magari più in la ti iscrivi anche tu all'uni , ovviamente sempre li!
    comunque , verissimo , non ci accontentiamo mai!

    RispondiElimina