29/03/13

GIORNO 157: KOKO

Ieri giorno OFF per modo di dire.

Quando vado a lavorare mi stanco la metà.

Per la camera nuova serve assolutamente un armadio e visto che non abbiamo molto tempo l' unica soluzione era andare e prenderselo.

Ovvio, a casa non ci sarebbe voluto nulla.

Mamma portami qui, papi andiamo là, chiedo a qualche mio amico con la macchina.

Non mi sarei mai immaginata di andare a comprare un armadio a piedi, ma anche questo è Londra.

E grazie al cielo sono in un fantastico periodo buon umore.

Volevo andare all' Ikea, ma sono tutti lontanissimi da casa mia, quindi mi sono accontentata di Argos.

Per 35 sterle mi hanno venduto un bell' armadio di ferro.

Così con i miei bei sei chili di armadio in testa sono tornata a casa camminando per i quartieri malfamati di South London.

La prima frase delle istruzioni era: 'Per il primo stage sarebbe meglio farsi aiutare da qualcuno'.

Ero da sola in casa.

Alla faccia delle istruzioni l' ho montato tutto da sola in mezzora, ma devo ammettere che fosse davvero semplice.

Ora che il problema armadio era risolto potevo concentrarmi sulla mia serata.

E che serata.

Vitalic, Yuksek, Etienne de Crecy, Kap Bambino, Dragonette, Goose al KOKO.

Prima di tutto, il KOKO.

Un vecchio teatro diventato da un pò di anni un club.

Però fisicamente è in tutto e per tutto un teatro.

Platea, palchi, moquette, splendido.

Impianto luci e audio serissimo.

E poi va bè con degli ospiti del genere la serata non può che diventare maggica con due G.

Davvero tutti fantastici.

Sei star internazionali in un club unico nel suo genere a Londra per quindici sterline.

Se penso a quanto costa andare a ballare in Italia mi viene male.

Ci credo che sono arrivata alla fine esausta.

Sono uscita di casa alle otto o mezza per tornare alle sei e mezza con gli uccellini che cantavano.


Camminare sperduti in una delle chissà quante 'zone industriali' londinesi.
 Finally Argos.

 

Ok. Sono andata a comprare un armadio a piedi. 
Il più è fatto. 


Benvenuto tesoro! 
Peccato sia già pieno e l' altra metà dei vestiti devono ancora arrivare.


Non si può bere alcolici per strada, però in un bicchiere del Mc chi viene a controllarti!


Vi presento il KOKO.


Mari <3


Ciao siamo trash.


Ciao siamo trash.



Mari and Margot.


Love this pic.


KOKO


 

KOKO's people.



 Margot <3



Se chiudono i Kap Bambino mi sembra anche scontato fare chiusura.
Show divino.

  
 
Ok. Serata finita. Si accendono le luci.
'Pelle andiamo a chiedere un autografo ai Kap Bambino?'
'Si, ti prego, li ho adorati'

...no, aspetta Mari.
Ma hai presente che eri in ritardo di mezzora? Allora sono andata al Mc perchè stavo congelando.
E ho realizzato solo adesso che i tipi che erano seduti nel mio tavolo erano loro.
Scoprirlo solo ora. 
La beffa.


E poi esci dal negozietto dei pakistani post serata e te li trovi davanti.
 Drogati, marci, spettinati, svestiti, ma vi adoro.
Epico <3
 
 


 
 

 
 
 
 
 

 
 









Nessun commento:

Posta un commento