28/05/13

GIORNO 214: Kensington's museums

Io giuro che in Italia non mi sarei mai immaginata di mangiare uovo, bacon e salsiccia a colazione.

In Italia qualasiasi cosa salata era abolita per legge prima delle undici.

Qui bo non ho più uno stomaco, un intestino, un fegato.

E del resto è l' english way of life.

Hai bisogno di energia per tutto il giorno perchè non si pranza.



Visto che come al solito sono off e piove, io e Jesus, un mio collega, ci siamo fatti il tour dei musei di Kensington.

Con solo due ore di ritardo sono arrivata a destinazione.

Credo mi avesse voluto uccidere.

E tanto per rendere l' idea nonostante il mio 'leggero' ritardo quando sono arrivata non aveva visto neanche metà del Victoria and Albert Museum.

 Il Victoria lo definirei un museo curioso, simpatico.

E' infatti il museo delle arti applicate e delle arti minori, il più importante al mondo.

C'è tipo una sezione dove ci sono solo cancelli.

Al primo ridi, al secondo ti chiedi perchè, al terzo ti sei già rotto le balle però alla fine è divertente.

E come tutti i musei di Londra è sicuramente da apprezzare anche l' architettura del museo in sè.

Le mie parti preferite? Moda, gioielli e cinema.












entrata.


Gioielli.


Jesus vs Rinoceronte.


Il camerino di Kylie Minogue.

Salutiamo il Victoria Albert e diamo il benvenuto al museo delle scienze naturali.

Letteralmente la porta accanto.

Questo è il tipico museo dove un bambino tra i cinque e i dieci si farebbe portare tutte le domeniche.

E la povera mamma al seguito lo sa a memoria, ma le tocca.

Dalla creazione della terra ai dinosauri.

E poi tutti gli animali possibili.



entrata


Medusa.


Nulla è certo a parte i cambiamenti.


Hogwarts? No, museo di storia naturale!


Tornare bambini e fare la fila per andare a vedere il t-rex! 
Meno male che Jesus ha ventisette anni e ci credeva anche più di me.

Nel frattempo ci raggiunge anche Vera.

Terzo ed ultimo museo della giornata e del complesso dei musei di Kensington.

Il museo delle scienze.

La cosa più inutile che abbia mai visto.

Sembra tipo una vecchia soffitta con giocattoli e cavolate inutili buttate lì da anni.

Quando non è bello va detto.

Però devo confessare che quella bruciata di Vera l' ha apprezzata tantissimo.

Quindi mai dire mai.
 


Come concludere la serata se non in un pub? 

Londra come l' oktoberfest questo weekend.

La nostra serena città è invasa da tedeschi ciccioni che fanno i cori un pò ovunque.

Birretta e cori per il Borussia e finisci bene la giornata.
 

O almeno ti piacerebbe.

 Nel mio caso arrivi a casa stanca morta e la coinquilina rompi balle ti obbliga ad uscire con lei.

Emma nel mio caso.

Eh niente che Shoreditch sia.

Altra birra, altra corsa.



Emma e Luca.


Pub sconosciuto @ Shoreditch


A Shoreditch si scopre un murales nuovo ogni volta.
















Nessun commento:

Posta un commento