18/05/13

GIORNO 206: police office

Finito di lavorare passo di corsa in banca e ritiro la nuova carta.

Nessuna spesa, nessun problema.

Inserisci il tuo pin ed è fatta, tante grazie!

Non voglio dirvi di perdere la carta della banca, ma non disperatevi se dovesse succedere.

Ma voglio assolutamente dirvi di NON perdere la vostra carta d' identità.

Sta diventando molto più complicato di come pensavo.

Prima di tutto denuncia alla polizia.

Grazie al cielo l' ufficio di Wimbledon non sembrava pieno di ex detenuti pronti ad uccidere di nuovo e non c'era nemmeno tanta fila.

La poliziotta per quanto fosse carina ed educata sembrava un pò che volesse vedermi soffrire a tutti i costi.

'Salve sono qui per denunciare lo smarrimento della mia carta d' identità'

'Ok, un documento, per favore'

'Sto denunciando la scomparsa del mio documento, non ce l'ho, non è più in mio possesso, l' ho perduto accidentalmente, non posso darteloooooo!'

'Ok, dammi un' altro documento che provi chi sei: passaporto, patente...'

'Non ho altri documenti'

'Non possiamo fare niente'

'Quindi per il governo inglese io sarò nessuno fino alla fine dei miei giorni?''

''Non hai nemmeno una copia?'

E qui in effetti mi sono sentita deficiente, perchè chiunque si fa la copia dei documenti, anche lo stupido turista che sta qui un weekend.

Poi mi è venuto il lampo di genio che avevo le foto sul computer, che è sempre ovviamente con me.

Amata tecnologia!

Ma ovviamente volevano una copia cartacea del tutto.

Attraverso Wimbledon di corsa, torno indietro, consegno la fotocopia, ottiengo la mia denuncia.

Ora sono pronta ad andare a litigare al consolato.

Non sono neanche a metà dell' opera e sono già stanca.

2 commenti:

  1. Ciao Francesca, accidenti che settimana pesante!
    Mi spiace ti siano capitate queste disavventure:-(
    Un abbraccio, Emanuela

    RispondiElimina
  2. risolverò anche queste, con tanta pazienza e altrettanta forza di volontà...

    RispondiElimina